Smartphone Zombies… cosa fare?

I genitori riferiscono, nella grande maggioranza dei casi, che uno degli aspetti più critici nel rapporto con i propri figli preadolescenti e adolescenti è il tempo eccessivo che trascorrono al cellulare.

È possibile intervenire su questo punto?
Sì, ma non sarà facile né indolore.

PREREQUISITO: non possiamo chiedere loro di attenersi a delle norme di condotta che noi per primi non osserviamo.
Scorrendo i punti sottostanti allora chiediamoci: io come vivo questo aspetto?

1⃣ PREVENZIONE: uno smartphone NON È un regalo adeguato per bambini delle elementari. “Ma ce l’hanno tutti ormai” è la facile obiezione. E allora? La salute psicofisica non risponde a logiche maggioritarie ma a evidenze scientifiche: prima iniziano a utilizzare il cellulare più è facile sviluppare una vera e propria dipendenza.

2⃣ Lo smartphone non deve essere consultato come prima cosa la mattina. “Ma io lo uso come sveglia!”, ok compra una sveglietta vecchio stile, costa poco e risolve il problema. Lo smartphone tienilo in carica notturna in un’altra stanza.

3⃣ MAI, ma proprio MAI il cellulare a tavola. Non è la valigetta del presidente USA con i codici nucleari, lo puoi mettere da parte per i 30-60 minuti che trascorri pranzando o cenando. Non è solo questione di educazione: riduci la dipendenza e magari inizi a parlare con i commensali.

4⃣ Durante lo studio, o altre attività che richiedono attenzione, il cellulare va posto in modalità silenziosa, possibilmente in un’altra stanza oppure fuori della vista e non a portata di mano. Togliere lo smartphone dalla vista riduce lo sforzo necessario per resistere alla tentazione di utilizzarlo.
Conviene fissare in anticipo, a scadenza regolare ma non troppo ravvicinate, delle brevi pause (al massimo di 5′-10′) da utilizzare per bisogni fisiologici, e nel caso una veloce “sbirciatina” alle notifiche.

5⃣ Vietare non basta, occorre favorire delle ALTERNATIVE ricche di soddisfazione. Ad esempio, praticando uno sport il cellulare facilmente viene dimenticato. Lo smartphone permette agli adolescenti di comunicare fra loro, di sentirsi parte di una comunità; occorre pertanto agevolare le occasioni in cui possono incontrarsi di persona. Più stanno chiusi in casa maggiore sarà la necessità di connettersi digitalmente.
Togliere e basta non serve, occorre focalizzarsi su come far loro riempire in maniera alternativa con nuovi hobby e attività il tempo altrimenti dedicato agli strumenti digitali. E per questo occorre disponibilità a farli uscire favorendo la sperimentazione.

6⃣ In certi casi, perlomeno fino a una certa età, può essere di aiuto installare app che bloccano l’accesso alle altre applicazioni in determinati orari (ce ne sono tante disponibili anche in versione free, ad esempio Screen Time)

7⃣ Stabilire un orario congruo in cui “cala il sipario” serale. La visione di videoclip o serie TV sul cellulare prima di dormire non aiuta il riposo notturno. In casi drastici impostare il router della wifi per una disconnessione mirata all’orario prefissato.

Buon lavoro!

Aspettative dei genitori e frustrazione… un binomio inscindibile?

Le aspettative che hanno i genitori, e che i figli adolescenti non soddisfano, creano frustrazione in persone che, come me, vorrebbero avere sempre tutto sotto controllo per stare bene. Il fatto che i figli adolescenti ‘facciano di testa loro’, magari decidendo deliberatamente di non studiare, di non impegnarsi, di non dare una mano in casa ad esempio, crea una certa inquietudine, continue occasioni di scontro“. (Elena, post sulla pagina FB giuliomazzetticoach)

La questione è evidentemente molto complessa, di non facile e tanto meno immediata soluzione, ma qualche considerazione può essere di aiuto.

È esperienza comune nei genitori provare un senso di delusione, di inadeguatezza, talvolta di amarezza e perfino rabbia quando i desideri e le aspettative che abbiamo nei confronti dei figli sembrano svanire nel nulla, quando, nonostante gli sforzi, le cose procedono in una direzione diversa da quella immaginata.

1) Innanzitutto, è importante comprendere come il desiderio di controllo sia facilmente causa di frustrazione quando si consideri che l’unica sfera di influenza su cui possiamo agire al 100% siamo noi stessi, non certo i figli che sono altro da noi, con la propria autonomia decisionale e conseguente responsabilità.
Crearsi aspettative sugli altri finisce per far dipendere il nostro benessere (etimologicamente: “ben-essere” cioè “stare bene”) dalle loro decisioni e dai loro atteggiamenti su cui possiamo esercitare un’influenza assai relativa.

Questa premessa non implica però che si debba abdicare al ruolo di guida, di leadership autorevole richiesto a ciascun genitore.
L’aspettativa verso un figlio deve però essere interpretata non tanto come la proiezione di un progetto vincolante del genitore, quanto, come ci ricorda l’origine del termine (“attendere pazientemente, senza muoversi, verso la cosa o persona che deve arrivare”), una fiduciosa attesa che si realizzi qualcosa senza alcuna pretesa di certezza.

2) Quando si parla di aspettative dei genitori è importante interrogarsi su quanto tali aspettative siano da ritenersi implicite oppure siano state esplicitate ai figli.

Presupponendo che lo scontro sia dovuto al fatto che tali aspettative siano ripetutamente espresse, chiediamoci allora se hanno dato luogo alla definizione di un sistema semplice, conciso ma chiaro di regole di convivenza familiare, che comprenda i compiti di collaborazione assegnati a ciascuno secondo le proprie capacità e il tempo (minimo) da dedicare allo studio quotidianamente.

A differenza di quanto avviene con i bambini, con gli adolescenti è peraltro necessario spiegare la ragione, il criterio che sta alla base di ciascuna regola familiare, ed essere sufficientemente flessibili da saperle modificare alla luce delle considerazioni ragionevoli espresse dei figli.

3) Una volta definite le regole, sono state previste le conseguenze che derivano dall’inosservanza di quanto precedentemente elaborato, condiviso e definito?
Bisogna uscire dalla logica dei premi/punizioni ex post e adottare invece un atteggiamento basato sulla previsione delle conseguenze dei comportamenti attuati in modo da far crescere in responsabilità i figli (Non siamo noi genitori “cattivi” che assegniamo le punizioni, sono i ragazzi stessi che “scelgono” con i propri comportamenti gli esiti).

Il problema non è tanto che i ragazzi “facciano di testa loro”, il che educativamente è anche auspicabile, quanto che aderiscano, pur criticandoli, a principi che regolano la convivenza responsabile nella comunità familiare.

4) In ultimo, ma non perché meno importante, ci siamo mai chiesti, e abbiamo chiesto, cosa c’è dietro un determinato atteggiamento di rinuncia, di opposizione, di rifiuto?
A volte i ragazzi manifestano con tali atteggiamenti un malessere, un’insoddisfazione che è importante conoscere per non intervenire sui sintomi bensì sulla causa originaria.

 

L’amore incondizionato che si declina anche nell’accoglienza del figlio pur non rispondente alle proprie aspettative, l’ascolto, l’autenticità intesa come assenza di atteggiamenti manipolatori, la capacità di saper porre dei limiti, sono tutti elementi che permettono di (ri-)costruire una relazione funzionale con i figli ormai adolescenti. Questa relazione rinnovata, pur non mancando di scontri, per certi versi fisiologici nel momento in cui gli adolescenti cercano di costruirsi faticosamente una propria identità, non darà luogo a senso di frustrazione perché riacquisterà un senso l’attesa attiva che il figlio, guidato con mano ferma ma amorevole, proceda nel proprio percorso di maturazione i cui tempi raramente coincidono con quelli desiderati dai genitori.

Ci vuole un sogno

Per sviluppare la motivazione intrinseca è opportuno iniziare dal sogno infatti “nulla accade se prima non c’è stato un sogno” (C. Sandburg).

Sogno da intendersi come una visione futura desiderabile in cui viene riposta fiducia, non come comunemente si intende, immaginazione di cose irrealizzabili.
Per aiutare un adolescente a elaborare un proprio sogno è necessario aiutarlo a spostarsi dal proprio presente, spesso percepito come immutabile, a un futuro desiderato, e a quel punto allenarlo a confrontare le conseguenze del rimanere fermi rispetto a quelle del proprio attivarsi per realizzare il sogno.
Non sarà però sufficiente la sola convinzione razionale, sarà invece necessario aiutare l’adolescente a percepire i sentimenti positivi connessi alla nuova situazione visualizzata.

Il focus in presenza di un problema con i ragazzi

Di fronte a un problema, con i ragazzi non otterremo facilmente risultati focalizzandosi su ciò che sta andando male allo scopo di farlo andare meglio, così facendo andremo spesso incontro a resistenze e autosabotaggi.
Per ottenere successi profondi, duraturi è necessario passare da un percorso di crescita umana e personale, aiutandoli cioè a identificare le proprie risorse e potenzialità e allenandoli a metterle in gioco.
È allenando e potenziando ciò che c’è di valido che otterremo in loro la capacità di cambiare anche nell’ambito specifico dove stanno avendo difficoltà.

Corso affettività per adolescenti

#Amore. Un like per sempre

Sabato 12 gennaio alle ore 15.30 sarò a Firenze per il primo di una serie di tre incontri con ragazzi maschi di I e II superiore sul tema dell’affettività.

Nel primo incontro parleremo di sessualità, di come essa coinvolga tutte le dimensioni della persona umana, dell’importanza di essere rispetto ad apparire, di mascolinità e femminilità.

Nei seguenti moduli verranno affrontati aspetti quali le differenze tra innamoramento e amore, le pressioni che minacciano la propria realizzazione affettiva, le dipendenze che minacciano l’affettività (internet addiction, pornografia, sexting), l’amore umano come relazione che appaga il nostro desiderio di felicità relazionale.

QUANDO

1° modulo: CHI SONO IO    Sabato 12 gennaio ore 15.30-16.30
2° modulo: INNAMORAMENTO E AMORE Sabato 19 gennaio ore 15.30-16.30
3° modulo: COME ESSERE FELICI   Sabato 2 febbraio ore 15.30-16.30

DOVE
A Firenze, presso l’Accademia dei Ponti in via Trieste 25

Incontro per genitori: Educare all’affettività

Un incontro per genitori di figli preadolescenti e adolescenti, su un tema quanto mai importante in ambito educativo.
Insieme alla dr.ssa Teresa Zucchi, medico psichiatra e psicoterapeuta, affronteremo le principali tematiche inerenti l’argomento: sessualità e dimensioni della persona umana, clima socio-culturale contemporaneo, linee guida per l’educazione all’affettività.

QUANDO
Sabato 15 dicembre 2018 ore 16.00-17.30

DOVE
A Firenze, presso l’Accademia dei Ponti in via Trieste 25

Corso “Adolescenza: istruzioni per l’uso”

👉 Iscrizioni aperte fino al 15 dicembre per il corso ADOLESCENZA: ISTRUZIONI PER L’USO.

Spesso è complesso comunicare con i ragazzi durante la delicata fase dell’adolescenza. Occorre modificare l’atteggiamento finora tenuto ed iniziare ad instaurare un nuovo rapporto. Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari per porsi “alla giusta distanza”, illustrare come accendere la motivazione e aiutare l’adolescente a diventare e realizzare se stesso.
Gli incontri sono rivolti a genitori, docenti e altri educatori.

 ISCRIZIONE ONLINE al link https://bit.ly/adolescenzaistruzioni.

Per informazioni e aiuto nell’iscrizione contattare gli organizzatori:

dr.ssa Teresa Zucchi 3486048552 zucchiteresa@gmail.com
FB Dr. Teresa Zucchi – Medico Psichiatra e Psicoterapeuta

Giulio Mazzetti giuliomazzetti.coach@gmail.com
FB Giulio Mazzetti Teen & Life Coach

Perché il calcio non può bastare

[Tempo di lettura: 4,5 minuti]

Anni fa, ad un convegno ascoltai un educatore dire durante il suo intervento che quando un ragazzo a 13/14 anni ha per interesse solo il calcio deve scattare un “campanello d’allarme” per i genitori.
Sul momento non compresi il senso dell’affermazione: mi piaceva il calcio, ambedue i miei figli maschi lo praticavano in una squadra giovanile, io ero dirigente accompagnatore della stessa.

Nel tempo, l’attività svolta come direttore e formatore al Club Prato Boys e al Polis Club, e il conseguente confronto frequente con i bambini e i ragazzi, alcuni particolarmente impegnati nella pratica sportiva, mi ha fatto comprendere appieno il senso di quanto avevo ascoltato.

Lo sport ha sicuramente, almeno in potenza, la capacità di veicolare tutta una serie di valori positivi (impegno, spirito di squadra, rispetto, lealtà, competizione, dedizione, spirito di sacrificio, altruismo…) ma molte volte, e nel calcio giovanile più che in altre discipline, l’attenzione prematura al solo risultato, la forte tensione agonistica a scapito dell’aspetto più propriamente ludico, rappresentano un ostacolo per la considerazione puntuale delle prioritarie necessità educative dei ragazzi.

Fra queste una delle più penalizzate è lo sviluppo della capacità di costruirsi delle relazioni significative di amicizia.

Nell’infanzia i bambini si cercano per giocare, per farsi compagnia, per soddisfare una serie di bisogni primari che fanno sì che un bambino nutra naturalmente simpatia verso coloro che li soddisfano meglio e che lo valorizzano e, viceversa, antipatie verso coloro che non rispondono adeguatamente a questi bisogni.

Con la pre-adolescenza e l’adolescenza inizia invece a strutturarsi un nuovo assetto di amicizia che va oltre l’essere “compagni di gioco” tipico dell’età infantile. Il gruppo dei pari età diventa il riferimento primario per i ragazzi in alternativa a quello genitoriale. rappresentando la matrice, il “brodo primordiale” da cui possono successivamente svilupparsi le vere amicizie.

Lo spiega bene lo scrittore C.S. Lewis: «L’amicizia nasce dal semplice cameratismo quando due o più compagni scoprono di avere un’idea, un interesse o anche soltanto un gusto, che gli altri non condividono e che, fino a quel momento, ciascuno di loro considerava un suo esclusivo tesoro. 
La frase con cui di solito comincia un’amicizia è qualcosa di questo genere: ”Come? Anche tu? Credevo di essere l’unico…”.» (I quattro amori)

Il fatto di andare nella stessa scuola, di frequentare lo stesso ambiente, di praticare lo stesso sport, ecc. non comporta necessariamente l’amicizia. Chiunque condivida determinate esperienze rappresenta un compagno, ma soltanto chi, oltre a questo, avrà qualche altra cosa in comune diventerà realmente un amico.

Chi non possiede nulla non può dividere nulla; chi non sta andando da nessuna parte non può avere compagni di viaggio. (C.S. Lewis)

La meta o visione che accomuna gli amici non può essere il calcio, questo non ha la capacità di rappresentare il “punto di fuga” all’orizzonte verso cui possono convergere gli sguardi degli amici, perpetua solamente un modo di stare insieme infantile, da compagni di gioco.

Giocare a calcio infatti è un “fare insieme” qualcosa, non è cogliere quell’essenziale che è invisibile agli occhi (cfr Il Piccolo Principe) che rende l’amicizia qualcosa di più e di più profondo.
Fare insieme qualcosa, in questo caso praticare uno sport, aiuta a socializzare ma rende per sua natura solo compagni; l’amicizia, pur richiedendo la frequentazione, non è questo: si basa sul sentire e pensare insieme qualcosa e in questa condivisione differenziarsi dal resto dei compagni.
Questa visione comune, che guida il cammino fianco a fianco degli amici, porta nel tempo a sviluppare una profonda conoscenza e affetto reciproci tanto che l’amicizia si caratterizza inoltre per la benevolenza intesa nello stretto senso etimologico della parola: volere il bene dell’amico.

Come si esce da questo?

1) Innanzitutto sapendo ascoltare il “campanello di allarme” che può risuonare in determinate occasioni. Ascoltare un figlio che parla solo ed esclusivamente di calcio, di calciatori, di partite, di formazioni, di allenamenti, di fantacalcio… rappresenta per un genitore il “primo canto del gallo”: non bisogna arrivare al secondo.

2) Può essere opportuno iniziare un disinvestimento riguardo la riuscita agonistica di proprio figlio: siamo realmente sicuri che giocare bene a calcio, avere il posto da titolare nella squadretta più o meno blasonata della nostra città, partecipare al campionato regionale anziché provinciale…, sia ciò che più serve alla maturazione umana di nostro figlio?
O piuttosto è qualcosa che soddisfa una nostra aspettativa, che gratifica noi stessi per un risultato che magari non siamo stati in grado di raggiungere a suo tempo oppure che ci attribuisce un certo status nella nostra cerchia di amici?

3) É necessario adoperarsi a partire dall’infanzia e, sicuramente dalla pre-adolescenza, per favorire occasioni che possano suscitare nel ragazzo altri interessi e passioni senza abbattersi per probabili insuccessi. Sarà un processo lungo e faticoso, costellato magari da numerosi fallimenti. Ci sarà richiesto di uscire dalla nostra “comfort zone” e dedicare tempo di qualità e in quantità per svolgere attività con nostro figlio o per consentirgli di compiere determinate esperienze alternative.

Solo la passione smodata per il calcio può avere questi effetti collaterali?
Evidentemente no: ogniqualvolta la pratica sportiva, sia essa calcio, rugby, basket, ginnastica, nuoto, tennis, pallanuoto…, travalica la propria funzione, relativa, per diventare un assoluto cui sacrificare ogni altra possibilità di scoprire passioni alternative in ambiti diversi, si corre il rischio di limitare la capacità di sviluppare in futuro nel ragazzo profonde e significative relazioni amicali.

Fortunatamente esistono anche (rare) società calcistiche giovanili dove viene posta attenzione agli aspetti educativi del bambino o ragazzo prima ancora del raggiungimento di risultati sportivi di eccellenza, e dove magari i loro sforzi sono frustrati invece dalla mancanza di sensibilità educativa dei genitori che si accaniscono riguardo alla sola riuscita calcistica dei loro “campioncini” in erba. Si trovano “mister” interessati a insegnare calcio facendo divertire i bambini, distaccandoli dall’attenzione ai soli risultati sportivi privilegiando la relazione fra loro e con gli adulti di riferimento. Ma non sono la maggioranza e comunque ciò non è sufficiente se manca la dovuta attenzione alle necessità educative dei propri figli da parte di noi genitori.

Attenzione: non voglio sostenere che il calcio, e la pratica sportiva in generale, non abbiano una loro importanza nello sviluppo psicofisico dei nostri figli. Tutt’altro. Sottolineo unicamente il rischio che diventi un’esperienza esclusiva, “totalizzante” e che privi i ragazzi della sperimentazione in altre attività, in ambiti alternativi allo sport. La formazione umana non si può limitare alla sola pratica sportiva.
Nell’infanzia e nell’adolescenza è infatti di fondamentale importanza la sperimentazione continua, talvolta incoerente, che permette di scoprire interessi, propensioni, possibilmente passioni. Le stesse che potranno non solo favorire la nascita e il consolidamento di vere amicizie con coloro che vibrano per le stesse “visioni” ma anche guidare il ragazzo verso la propria realizzazione futura, a trovare “il suo posto nel mondo”.