Corso sulle abitudini

Aperte le iscrizioni all’edizione 2021 del corso ABITUDINI: COME POTENZIARE LE BUONE ED ESTIRPARE LE CATTIVE

(Corso attivato nell’ambito dei corsi di cultura generale organizzati dal Comune di Prato e dalla Biblioteca Lazzerini)

Il punto NON È non avere abitudini: queste sono il meccanismo naturale con cui il nostro cervello automatizza determinati comportamenti.

Allora cos’è realmente importante?

  1. Comprendere cosa sono e come funzionano le abitudini
  2. Riconoscere se le nostre abitudini sono funzionali al raggiungimento di ciò che desideriamo
  3. Eliminare le “cattive” abitudini che ci impediscono o rallentano nel conseguire i nostri obiettivi
  4. Implementare o potenziare le “buone” abitudini

Nei due incontri in programma saranno sviluppati questi punti fornendo spunti applicativi per la propria crescita personale e per supportare figli, allievi… in questo tipo di sviluppo.

QUANDO
Sabato 13 e sabato 20 novembre 20121 ore 15 – 16.30

DOVE
Via De Gasperi 67, Prato

𝘐𝘯 𝘤𝘢𝘴𝘰 𝘥𝘪 𝘯𝘶𝘰𝘷𝘦 𝘳𝘦𝘴𝘵𝘳𝘪𝘻𝘪𝘰𝘯𝘪 𝘢𝘨𝘭𝘪 𝘪𝘯𝘤𝘰𝘯𝘵𝘳𝘪 𝘪𝘯 𝘱𝘳𝘦𝘴𝘦𝘯𝘻𝘢 𝘪𝘭 𝘤𝘰𝘳𝘴𝘰 𝘷𝘦𝘳𝘳𝘢̀ 𝘴𝘷𝘰𝘭𝘵𝘰 𝘪𝘯 𝘮𝘰𝘥𝘢𝘭𝘪𝘵𝘢̀ 𝘢 𝘥𝘪𝘴𝘵𝘢𝘯𝘻𝘢 𝘴𝘶 𝘱𝘪𝘢𝘵𝘵𝘢𝘧𝘰𝘳𝘮𝘢 𝘡𝘰𝘰𝘮

▶ ISCRIZIONI ONLINE al link https://bit.ly/Abitudini2021

Per informazioni e aiuto nell’iscrizione:

giuliomazzetti.coach@gmail.com
FB Giulio Mazzetti Teen & Life Coach
Cell 338 7863727 (anche Whatsapp / Telegram)

Corso Adolescenza: istruzioni per l’uso

👉 Iscrizioni aperte fino al 3 settembre per l’edizione 2022 del corso ADOLESCENZA: ISTRUZIONI PER L’USO.

Per tutti gli educatori (𝗴𝗲𝗻𝗶𝘁𝗼𝗿𝗶 / 𝗱𝗼𝗰𝗲𝗻𝘁𝗶 / 𝗶𝘀𝘁𝗿𝘂𝘁𝘁𝗼𝗿𝗶 𝘀𝗽𝗼𝗿𝘁𝗶𝘃𝗶) che intendono potenziare le proprie capacità di gestire le complessità della fase adolescenziale.

Gli incontri sono rivolti a genitori, docenti e altri educatori.

MODULO 1: ADOLESCENTI DIGITALMENTE MODIFICATI – L’impatto del digitale
MODULO 2: COME RAGGIUNGERLI – atteggiamenti educativi per entrare in sintonia e comunicare con gli adolescenti
MODULO 3: COME MOTIVARLI – comportamenti genitoriali che predispongono allo sviluppo e al sostegno della motivazione


QUANDO
Sabato 5, 12 e 19 febbraio 2022, ore 15-17.00

DOVE
Sala Don Sturzo in via De Gasperi 67, Prato.


▶ ISCRIZIONE ONLINE al link http://bit.ly/Adolescenza2022 ENTRO IL 3 SETTEMBRE

Per informazioni e aiuto nell’iscrizione contattare gli organizzatori:

dr.ssa Teresa Zucchi 3486048552 zucchiteresa@gmail.com
FB Dr. Teresa Zucchi – Medico Psichiatra e Psicoterapeuta

Giulio Mazzetti 3387863727 giuliomazzetti.coach@gmail.com
FB Giulio Mazzetti Teen & Life Coach

(Corso attivato nell’ambito dei corsi di cultura generale organizzati dal Comune di Prato e dalla Biblioteca Lazzerini)

Perché il Teen Coaching funziona…

e non tutti lo sanno” potrebbe facilmente essere il sottotitolo più adeguato.

Il Coaching è un servizio di sviluppo della persona non ancora molto conosciuto, ancora meno nell’ambito degli interventi con gli adolescenti (Teen Coaching).
A causa di questa ridotta conoscenza, i genitori, stanchi e disarmati di fronte ad atteggiamenti rinunciatari del figlio o della figlia rispetto agli impegni scolastici ed extrascolastici, pensando ci sia qualcosa da “riparare”, ricorrono spesso ad altre figure professionali – peraltro fondamentali nei loro specifici ambiti di intervento – che però semplicemente nella maggioranza dei casi non sono necessarie.

Nella maggior parte dei casi, nell’adolescente che dà pensiero ai genitori non c’è un disturbo da guarire, un “guasto da riparare”, c’è solo da agevolare la nascita e lo sviluppo della motivazione interiore.

Oppure pensiamo che il 13,5% dei ragazzi dai 18 ai 24 anni che abbandonano lo studio e la formazione (1) abbiano tutti dei disturbi di natura psicologica?
E tutti quei ragazzi che senza lasciare la scuola si trascinano stancamente nel proprio percorso di studi lasciando dietro di sé una scia di debiti formativi e anni ripetuti, senza raggiungere il livello di competenza atteso, che disturbo avrebbero esattamente?

Perché il Teen Coaching funziona?

Il Coaching è un percorso che facilita lo sviluppo delle risorse di una persona, di quel complesso cioè di attitudini, capacità, punti di forza del carattere, valori e competenze, che ciascuno possiede, talvolta senza esserne pienamente consapevole.

“L’adolescenza è la tappa dell’informe che cerca la forma, del caos che cerca l’ordine, della speranza che cerca l’esperienza e dell’impossibile che cerca il possibile.”

Alessandro D’Avenia.

Spesso negli adolescenti c’è un problema di mancanza di significato e di senso dello studio in particolare e della vita in generale, che rende loro difficile porsi obiettivi e impegnarsi fattivamente per raggiungerli.
L’inquietudine indotta dalla mancata realizzazione delle proprie potenzialità viene frequentemente “anestetizzata” facendo ricorso a gratificazioni effimere e di piccolo valore: videogiochi, cellulari, uscite, “sballo”…

Il Coaching con gli adolescenti ha un impatto potente per 4 motivi principali:

    1. I ragazzi hanno già dentro di sé tutte le risorse e potenzialità per avviare la propria realizzazione come persona adulta ma non le conoscono e/o non sanno come utilizzarle. Il Coaching facilita la crescita in consapevolezza di ciò che i ragazzi hanno dentro di sé.
    2. Hanno bisogno – molto più degli adulti – di essere ascoltati con calma e in assenza di giudizio, di essere accolti in uno spazio e in un tempo che facilita la loro espressione. E questo avviene tipicamente all’interno della sessione di Coaching.
    3. In una fase della vita in cui il gruppo dei pari età diventa il loro riferimento primario relegando in sottofondo i genitori da cui sta iniziando un faticoso ma inevitabile distacco, permane negli adolescenti il bisogno di avere relazioni significative con altri adulti di riferimento quali docenti, istruttori sportivi…, e un Coach può essere un adulto di riferimento.
    4. Non vogliono più che si dica loro cosa fare, quando farlo e come farlo, e manifestano con crescente insofferenza, talvolta ribellione, questo loro desiderio. Rimangono piacevomente sorpresi quando il Coach, manifestando autentica ed esplicita fiducia nelle.loro capacità, li stimola a trovare dentro di sé le risposte ai loro interrogativi.

In che senso il Teen Coaching funziona?

Il Teen Coaching ha una buona efficacia sia nei confronti dell’adolescente destinatario diretto dell’intervento del Coach che delle aspettative dei genitori che lo hanno richiesto.

1⃣ Nei confronti dell’ADOLESCENTE perché la maggiore consapevolezza delle proprie capacità e dei propri valori facilitano l’elaborazione di sogni per il futuro e di seguito la definizione di obiettivi concreti in linea con tali sogni. Non solo, il processo di Coaching stimola l’attribuzione di significato alle attività svolte al momento, in primis la scuola,e agevola l’adozione di comportamenti attivi volti al perseguimento dei propri sogni.

2⃣ Riguardo ai GENITORI perché – aldilà di quelle che possono essere le loro aspettative esplicite iniziali riguardo al figlio o alla figlia – il Teen Coaching, facilitando l’adolescente nel percorso di elaborazione e perseguimento di propri sogni e obiettivi, concilia anche le aspettative implicite che spesso sono legate proprio allo sviluppo della capacità dei figli di avere una propria progettualità, e un’adeguata motivazione per tradurla in azioni concrete.

Se vuoi approfondire alcuni punti espressi sopra contattami per un colloquio GRATUITO:

NOTA
(1) Dati Eurostat relativi al fenomento ELET – Early Leavers from Education and Training, disponibili a questo link.

Corso Adolescenza: istruzioni per l’uso

👉 Iscrizioni aperte fino al 9 settembre per l’edizione 2021 del corso ADOLESCENZA: ISTRUZIONI PER L’USO.

Spesso è complesso comunicare con i ragazzi durante la delicata fase dell’adolescenza. Occorre modificare l’atteggiamento finora tenuto ed iniziare ad instaurare un nuovo rapporto. Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari per porsi “alla giusta distanza”, illustrare come accendere la motivazione e aiutare l’adolescente a diventare e realizzare se stesso.

Gli incontri sono rivolti a genitori, docenti e altri educatori.

MODULO 1: ADOLESCENTI DIGITALMENTE MODIFICATI – L’impatto del digitale
MODULO 2: COME RAGGIUNGERLI – atteggiamenti educativi per entrare in sintonia e comunicare con gli adolescenti
MODULO 3: COME MOTIVARLI – comportamenti genitoriali che predispongono allo sviluppo e al sostegno della motivazione


QUANDO
Sabato 6, 13 e 20 febbraio 2021, ore 15-17.00

DOVE
Sala Don Milani in via De Gasperi 63, Prato.


 ISCRIZIONE ONLINE al link http://bit.ly/adolescenza-istruzioni ENTRO IL 9 SETTEMBRE

Per informazioni e aiuto nell’iscrizione contattare gli organizzatori:

dr.ssa Teresa Zucchi 3486048552 zucchiteresa@gmail.com
FB Dr. Teresa Zucchi – Medico Psichiatra e Psicoterapeuta

Giulio Mazzetti 3387863727 giuliomazzetti.coach@gmail.com
FB Giulio Mazzetti Teen & Life Coach

(Corso attivato nell’ambito dei corsi di cultura generale organizzati dal Comune di Prato e dalla Biblioteca Lazzerini)

“Adolescenza: istruzioni per l’uso” – nuova edizione del corso

👉 Iscrizioni aperte fino al 9 settembre per la nuova edizione del corso ADOLESCENZA: ISTRUZIONI PER L’USO.

Spesso è complesso comunicare con i ragazzi durante la delicata fase dell’adolescenza. Occorre modificare l’atteggiamento finora tenuto ed iniziare ad instaurare un nuovo rapporto. Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari per porsi “alla giusta distanza”, illustrare come accendere la motivazione e aiutare l’adolescente a diventare e realizzare se stesso.

Gli incontri sono rivolti a genitori, docenti e altri educatori.


Il corso si terrà nei giorni di sabato 25 gennaio, 1 e 8 febbraio 2020, ore 15-16.30 presso la sala Don Milani in via De Gasperi 63, Prato.

(Corso attivato nell’ambito dei corsi di cultura generale organizzati dal Comune di Prato e dalla Biblioteca Lazzerini)


 ISCRIZIONE ONLINE al link http://bit.ly/adolescenza-istruzioni

Per informazioni e aiuto nell’iscrizione contattare gli organizzatori:

dr.ssa Teresa Zucchi 3486048552 zucchiteresa@gmail.com
FB Dr. Teresa Zucchi – Medico Psichiatra e Psicoterapeuta

Giulio Mazzetti giuliomazzetti.coach@gmail.com
FB Giulio Mazzetti Teen & Life Coach

Ci vuole un sogno

Per sviluppare la motivazione intrinseca è opportuno iniziare dal sogno infatti “nulla accade se prima non c’è stato un sogno” (C. Sandburg).

Sogno da intendersi come una visione futura desiderabile in cui viene riposta fiducia, non come comunemente si intende, immaginazione di cose irrealizzabili.
Per aiutare un adolescente a elaborare un proprio sogno è necessario aiutarlo a spostarsi dal proprio presente, spesso percepito come immutabile, a un futuro desiderato, e a quel punto allenarlo a confrontare le conseguenze del rimanere fermi rispetto a quelle del proprio attivarsi per realizzare il sogno.
Non sarà però sufficiente la sola convinzione razionale, sarà invece necessario aiutare l’adolescente a percepire i sentimenti positivi connessi alla nuova situazione visualizzata.

“Motivazione e autorità. Quale il ruolo dei genitori?” – Incontro a Terranuova Bracciolini

👉Coach, mio figlio non ha voglia di studiare, non fa altro che giocare alla Play, non so più che fare, ho bisogno che me lo motivi

🤔 Esiste davvero il “paramotivanolo” oppure la motivazione deve essere sviluppata e sostenuta in altro modo?
Qual è il ruolo di noi genitori nella dinamica motivazionale?

 Queste e altre domande saranno affrontate sabato prossimo 23 febbraio nell’incontro per genitori “Motivazione autorità. Quale il ruolo dei genitori?”

Appuntamento a Terranuova Bracciolini (AR) dalle ore 10 alle 12 all’Oratorio San Benedetto.

Corso “Adolescenza: istruzioni per l’uso”

👉 Iscrizioni aperte fino al 15 dicembre per il corso ADOLESCENZA: ISTRUZIONI PER L’USO.

Spesso è complesso comunicare con i ragazzi durante la delicata fase dell’adolescenza. Occorre modificare l’atteggiamento finora tenuto ed iniziare ad instaurare un nuovo rapporto. Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari per porsi “alla giusta distanza”, illustrare come accendere la motivazione e aiutare l’adolescente a diventare e realizzare se stesso.
Gli incontri sono rivolti a genitori, docenti e altri educatori.

 ISCRIZIONE ONLINE al link https://bit.ly/adolescenzaistruzioni.

Per informazioni e aiuto nell’iscrizione contattare gli organizzatori:

dr.ssa Teresa Zucchi 3486048552 zucchiteresa@gmail.com
FB Dr. Teresa Zucchi – Medico Psichiatra e Psicoterapeuta

Giulio Mazzetti giuliomazzetti.coach@gmail.com
FB Giulio Mazzetti Teen & Life Coach

Scuola – compiti – figli TIPS #3

📚 Un tema affrontato di frequente parlando di scuola con altri genitori è quello della motivazione dei propri figli verso l’apprendimento scolastico. Generalmente ciò viene manifestato con l’affermazione “mio figlio non ha alcuna voglia di andare a scuola / fare i compiti / studiare”.

Quando si parla di motivazione è fondamentale distinguere fra motivazione estrinseca e intrinseca.

Nella MOTIVAZIONE ESTRINSECA la fonte motivazionale è esterna alla persona. Sostanzialmente il ragazzo a scuola agisce, nella migliore delle ipotesi, per conseguire determinati premi e incentivi che sono rappresentati generalmente dall’apprezzamento dei genitori o talvolta degli insegnanti, ma più spesso da ciò che i genitori elargiscono a seguito dei buoni voti riportati: paghetta più sostanziosa, regali, ecc. Nella seconda ipotesi, il ragazzo invece affronta la scuola con un minimo impegno volto a evitare le conseguenze negative o le vere e proprie punizioni conseguenti a eventuali brutti voti assegnati dai docenti: riduzione delle uscite con gli amici, requisizione del cellulare e/o della consolle di videogiochi, riduzione di paghetta, ecc.

Questo tipo di motivazione non si manifesterà mai, o quasi, in un atteggiamento che possa far ritenere al genitore che il proprio figlio abbia “voglia” di andare a scuola.

▶ La cosiddetta “voglia” di andare a scuola è percepita dai genitori in presenza di una MOTIVAZIONE INTRINSECA che proviene cioè dalla persona stessa in risposta a proprie esigenze di soddisfazione personale, di sfida con se stesso, di sviluppo personale, di ricerca di senso. Nella motivazione intrinseca l’attività svolta diviene stimolante e gratificante di per se stessa.

Com’è possibile far sì che nostro figlio giunga a possedere un tale tipo di motivazione?

Sgombriamo in prima battuta il campo da un equivoco in cui è facile imbattersi rispondendo a una domanda: ritenete possibile attribuire dall’esterno una motivazione che per sua natura ha una fonte interna alla persona?

Se la vostra risposta è sì, è spiegato il successo di figure come guru, motivatori e simili, che promettono di rendere ciascuno in un certo lasso di tempo infallibilmente capace di raggiungere un livello di motivazione tale da poter raggiungere i propri obiettivi.

Io sono invece dell’opinione che il lavoro sulla motivazione intrinseca sia in realtà molto più difficile, che richieda cioè la predisposizione di tutta una serie di accorgimenti e situazioni che possono sì agevolare la formazione di una motivazione intrinseca ma che, in ultima analisi, il risultato finale dipenda dalla volontà della persona stessa di porsi in gioco e acquisire un tale tipo di atteggiamento.

“Puoi condurre un cavallo all’acqua ma non puoi costringerlo a bere”
(Stephen King – “Il miglio verde”)

Quali sono allora queste condizioni che possono agevolare lo sviluppo di una motivazione intrinseca?

📌 Innanzitutto chiediamoci che genere di motivazione ci muove personalmente per alzarsi da letto la mattina e recarci alle nostre occupazioni abituali:

Perché lavoro? Solo per assicurarmi il necessario sostentamento e togliermi magari qualche sfizio, oppure perché così sento di realizzare pienamente me stesso?

La risposta non è così senza conseguenze perché determina un atteggiamento verso il lavoro che i ragazzi possono facilmente osservare in famiglia: se arrivati al venerdì siamo pazzi di gioia e lo manifestiamo perché finalmente è finita la settimana lavorativa, se la domenica sera siamo corrucciati perché l’indomani si torna al lavoro, se il lunedì mattina siamo immancabilmente di pessimo umore, se abbiamo solo parole di insofferenza verso ciò che facciamo, come credete venga percepito tutto ciò dai nostri ragazzi?

Semplice: l’impegno per il lavoro (la scuola per loro) è una grande scocciatura da superare per arrivare finalmente a poter fare quello che ci pare nel fine settimana.

🎯 Dobbiamo partire da qui, dal nostro atteggiamento mentale verso il lavoro, verso le nostre occupazioni abituali, senza mostrare entusiasmo solo per il tempo dedicato al riposo e agli svaghi che, pur importanti, non possono essere assolutizzati. Il nostro esempio, il nostro entusiasmo per ciò che realizziamo giorno dopo giorno, sono fondamentali perché i nostri ragazzi possano arrivare ad una motivazione di tipo intrinseco.

Le altre condizioni che, come genitori ed educatori, possiamo contribuire a realizzare sono lo sviluppo della percezione di autoefficacia di nostro figlio e adottare uno stile genitoriale risoluto ed esigente ma al contempo affettuoso e incoraggiante.

💪 PERCEZIONE DI AUTOEFFICACIA

La percezione di autoefficacia corrisponde alla convinzione che una persona possiede di poter raggiungere un obiettivo, o affrontare positivamente una data situazione, in virtù delle proprie capacità, e dipende non solo dalle competenze effettivamente possedute e dai risultati fin lì raggiunti ma anche dalla considerazione che ciascuno ha maturato nel tempo di sé.

Il senso di autoefficacia è molto importante perché favorisce l’impegno che, a sua volta contraddistinto da  determinazione e perseveranza,  facilita il raggiungimento di buoni risultati a scuola, e questi a loro volta incrementano la percezione di autoefficacia di nostro figlio chiudendo un ciclo quanto mai virtuoso.

Diventa di importanza strategica dunque incoraggiare i nostri ragazzi ad agire, inizialmente sostenendoli nel loro impegno di studio o attivando procedure temporanee di motivazione estrinseca con l’utilizzo di premi e incentivi, puntando all’incremento della loro percezione di autoefficacia come risultato dell’ottenimento di una gratificazione conseguenti ai buoni voti raggiunti per effetto del lavoro svolto.

I buoni risultati a scuola possono inoltre favorire l’instaurarsi di un altro circolo conducendo allo sviluppo di una visione positiva del proprio futuro, a un atteggiamento di tipo ottimista il quale, a sua volta, favorisce l’impegno scolastico, fattore predittivo, come detto, del conseguimento di risultati scolastici di buon livello.

Tutto ciò ha un effetto sulla motivazione nel senso che i risultati scolastici, promossi dall’impegno attivato a sua volta dalla percezione di autoefficacia e da un atteggiamento ottimista, incrementano sensibilmente la probabilità che lo studente possa sviluppare un’adeguata motivazione di tipo intrinseco.

👍 STILE GENITORIALE

I genitori hanno un considerevole impatto sullo sviluppo della motivazione allo studio dei figli, non solo come detto sopra in relazione alla propria personale motivazione al lavoro, ma anche mediante il proprio stile genitoriale che, per essere efficace deve conciliare un atteggiamento fermo ed esigente con un tratto affettuoso e incoraggiante.

Da un parte cioè, come genitori dobbiamo stabilire chiaramente quello che ci attendiamo da loro esprimendo chiaramente delle aspettative sfidanti (non troppo facili, che richiedano quindi uno sforzo per essere raggiunte), realistiche (basate sulle effettive competenze, risorse e potenzialità dei figli) e verificabili in corso d’opera e a posteriori. Dobbiamo inoltre stabilire delle regole di convivenza in casa e di comportamento opportunamente motivate e, talvolta, contrattate.

Dall’altra però, è necessario essere incoraggianti lodando opportunamente per i traguardi raggiunti concentrandosi sugli sforzi compiuti da nostro figlio anziché sui risultati in se stessi, ed essere affettuosi manifestandolo fisicamente (anche se i figli manifesteranno una naturale ritrosia crescente verso ciò, ma nondimeno lo apprezzeranno), valorizzando le potenzialità e competenze, creando in famiglia un’atmosfera priva di situazioni di stress e mentalmente stimolante.

Conclusioni

Sviluppare la nostra personale motivazione intrinseca, favorire il senso di autoefficacia di nostro figlio e mantenere un profilo educativo incoraggiante benché esigente permetteranno, peraltro in un tempo non breve, di sviluppare le condizioni di base perché nostro figlio possa sviluppare a sua volta una motivazione di tipo intrinseco.

C’è un punto debole in questo tipo di approccio?

Sì c’è ed è in relazione allo step intermedio del raggiungimento di migliori risultati scolastici per facilitare lo sviluppo di una motivazione intrinseca. Le condizioni sopra indicate sono sì necessarie ma non sufficienti: è fondamentale infatti che il figlio disponga dell’energia per attivarsi concretamente nell’impegno scolastico, che maturi cioè l’opportuna determinazione e tenacia che dipendono essenzialmente dalla capacità di autoregolazione e dall’allenamento allo sforzo, alla fatica.

Ma questo sarà argomento per un altro tip. 😉


📌 Per un approfondimento di questi temi ci vediamo al corso “Scuola-compiti-figli. Corso di sopravvivenza per genitori” che terrò Giovedì 16 novembre e giovedì 23 novembre, ore 21-22.30, a Prato presso lo Studio Zucchi.

Per info, costi e iscrizione ➡ http://wp.me/p7BgQC-92

Attenzione: il corso è a numero chiuso.

A novembre: “Scuola-compiti-figli. Corso di sopravvivenza per genitori”

😟 È ricominciata la scuola e hai già l’assillo dell’andamento scolastico di tuo figlio?
Temi di dover passare serate e fine settimana a fare i compiti di scuola?

▶ Allora “Scuola-compiti-figli. Corso di sopravvivenza per genitori” fa al caso tuo.

L’andamento scolastico è la prima causa di conflitto fra i genitori e i figli preadolescenti e adolescenti.
I genitori fanno bene a preoccuparsi dei brutti voti dei figli. Il successo o l’insuccesso a scuola ha delle ricadute importanti sul modo in cui un ragazzo  crea la propria identità, sul suo senso di autoefficacia, sull’elaborazione dei progetti futuri che riguardano la sua vita.

“L’istruzione non sparge semi dentro di noi, ma fa sì che i nostri semi germoglino.”
(Kahlil Gibran)

D’altra parte per i genitori la scuola può stimolare delle fantasie relative a se stessi, alla propria esperienza scolastica, alle proprie emozioni e desideri. É dunque altresì indispensabile evitare l’iperinvestimento sul successo scolastico del figlio per esigenze di rivalsa dei genitori. Il valore di un figlio non può mai essere racchiuso in un voto.

📌 Il corso fornirà ai genitori alcuni spunti di riflessione per aumentare l’efficacia nel sostegno dell’attività scolastica dei propri figli partendo da due idee ben definite che cioè
• qualunque miglioramento dell’andamento scolastico dipende fondamentalmente da un rinnovato significato dell’istituzione scolastica e dalla distinzione dei ruoli fra insegnanti e genitori;
• il rendimento scolastico dipende da questioni, semplici da comprendere ma non facili da implementare, inerenti il metodo di studio.

🎯 Il corso si compone di due parti distinte e complementari:
• nella prima ci occuperemo del rapporto genitori-scuola con l’obiettivo di fornire delle linee guida per impostare correttamente il rapporto con gli insegnanti e la relazione con i propri figli;
• nella seconda invece affronteremo il tema dei compiti a casa dei figli individuando alcune “istruzioni per l’uso” che possono essere utili per guidarli in questa fondamentale attività e saranno forniti alcuni spunti utili per “accendere” la motivazione intrinseca dei ragazzi.

Attenzione: il corso è a numero chiuso.

Calendario:
Giovedì 16 novembre, dalle 21 alle 22.30
Giovedì 23 novembre, dalle 21 alle 22.30

c/o Studio Zucchi, via Catani 28/c, Prato (sopra la Conad)

Costo 30 € (IVA compresa) da versare all’inizio del primo incontro.

Per iscriversi compilare il modulo online sottostante oppure scrivimi a giuliomazzetti.coach@gmail.com

Per qualsiasi chiarimento chiamami al 338 7863727

MODULO DI ISCRIZIONE